Christian, un genio, un creativo, un artista, ma soprattutto un amico. Un amico che ha lasciato una impronta nella mia vita: un segno d'amore, di amicizia, di vita; un esempio che continuerà ad essere per me una ispirazione. Il suo carattere forte, il suo entusiasmo per la vita, la sua determinazione riuscivano immancabilmente a travolgermi. Fin dal primo momento in cui l'ho conosciuto ho capito subito che era una persona fuori dal comune. Un individuo complesso, pieno di interessi in costante evoluzione umana e culturale. Una rara sensibilità gli apparteneva, una sensibilità che gli conferiva una straordinaria capacità comunicativa.
Christian ti guardava negli occhi e ti leggeva dentro l'anima, questa era per me la sua qualità più grande.
"I veri amici non hanno bisogno di vedersi sempre... Comunicano con l'anima!" Mi diceva.
La sua estrema sensibilità lo portava necessariamente ad essere un creativo, un artista.
II linguaggio musicale per Christian rappresentava un linguaggio d'elezione, anche nella sua dimensione religiosa; i gospel erano per lui una vera passione.
C'era sempre nella sua mente qualcosa che doveva catturare ad ogni costo per poi dargli corpo in una creazione musicale, e gli sembrava di correre con la sua musica come se il corpo non avesse peso e ogni cosa lo seguisse pure incorporea.
(Continua )

Indietro - HomeAvanti