Scrivi un nuovo messaggio sul guestbook

 
 
 
 
 
 
 
I campi contrassegnati da * sono obbligatori.
Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
Ci riserviamo il diritto di modificare, cancellare o non pubblicare voci.
William Smith da U.S.A. pubblicato il 21/01/2020 alle 22:29:
Un omaggio a Christian Cappelluti

Nel 1998, mentre stava viaggiando in Scozia, Christian è venuto improvvisamente a mancare.
La storia della sua "straordinaria" morte, l'insolita serenità con la quale egli ha accettato il fatto che la vita stava per abbandonarlo, è già diventata leggenda.
Non voleva certo morire, aveva appena 22 anni, aveva già firmato il suo primo contratto discografico, tuttavia non aveva paura. Era, sembrerebbe, al momento della morte, quasi felice.
Speriamo ancora di scoprire la ragione della sua strana sicurezza durante l'estremo momento. Abbiamo disperatamente bisogno di questa risposta.

Christian ha composto circa 100 canzoni cominciando all'età di 12 anni. Le immagini che ricorrono più frequentemente sono la luce del sole e il volare, ma il tema più comune è naturalmente l'amore, che secondo le testimonianze dei suoi amici, fu la forza primaria che lo teneva attaccato alla terra. Spesso si riferiva anche ad un "luogo", ad un rifugio, ad un passato, ad un modo di essere.
Molto spesso i riferimenti sono vaghi e fuggevoli. Ma in una delle sue ultime canzoni egli parla di voler tornare al "luogo", "al luogo al quale io appartengo, al luogo dove io mi sento forte, al luogo dove nulla è sbagliato"....
Un ultimo fatto straordinario: la musica delle sue canzoni gli veniva in mente durante la notte mentre dormiva e sognava. Descrisse questo fenomeno in diverse occasioni su alcuni documenti scritti.
Christian letteralmente sognava in musica. Pertanto le sue canzoni sono sogni nel vero senso della parola. Usava scrivere la maggior parte della sua musica nelle primissime ore del mattino in modo da preservare l'ispirazione.

Quando Christian si recò negli Stati Uniti, scoprì l'affinità che aveva con la natura. Per tre anni, nel North Carolina, era solito recarsi giornalmente nel bosco, generalmente nelle prime ore del mattino, rimanendo lì per diverse ore, osservando, ascoltando,pensando.
Nulla è noto dei suoi pensieri mentre era nel bosco, o che tipo di rivelazioni potesse avere. Ma fu all'incirca in quel periodo che divenne vegetariano, nella ricerca continua della purezza umana.

Christian apparentemente viveva per la sua musica, del perfezionamento delle sue canzoni, dell'ambizione di diventare un musicista di successo per poter trasmettere soprattutto ai giovani i suoi straordinari messaggi.