Scrivi un nuovo messaggio sul guestbook

 
 
 
 
 
 
 
I campi contrassegnati da * sono obbligatori.
Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
Ci riserviamo il diritto di modificare, cancellare o non pubblicare voci.
70 messaggi.
Karol Jablonski da Roma pubblicato il 03/02/2019 alle 16:38:
Il Chris Cappell College è una immensa storia d'amore, sin dalla posa della prima pietra.
Questa atmosfera si respira ogni volta che si mette piede in quella Scuola, e questa sensazione è ancora più magica e intensa nel periodo natalizio.
E forse è anche per questo che la Sua cogestione è la più bella del litorale laziale, e forse d'Italia. Come tutte le cose che si fanno con amore.
Fieri di averne fatto parte.
Karol.dj
Laura da Italia pubblicato il 28/01/2019 alle 15:57:
Leggendo tutte queste attività promosse dal Chris Cappell in Italia e all'estero tiro un sospiro e dico ad alta voce :" beati tutti i ragazzi e le ragazze che studiano in questi college dove si respira cultura, musica, sport, umanità."
Fortunatissimi anche i docenti , se avessi potuto insegnare lì , sarei rimasta a scuola intere giornate.
L'amore, la musica , la cultura, la curiosità , l'intelligenza, la bellezza di Chris hanno creato delle Scuole Migliori,
sono convinta che tutti gli alunni ed alunne che vi usciranno, saranno non solo preparati per l'università, ma per la VITA!!!
Mi ripeto, ma come non dire GRAZIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE
Margherita da Roma pubblicato il 13/01/2019 alle 18:40:
Ho fatto il "virtual tour" del Chris Cappell College..... Vorrei tornare adolescente per frequentare questa scuola dei miei sogni!
Complimenti Adriana e Franco Cappelluti!
Jacopo da Italia pubblicato il 30/11/2018 alle 11:40:
Il 2018 è stato un anno importante nella storia di Christian. Oltre a ricorrere il ventennale della sua scomparsa, quest'anno è stato segnato dalla pubblicazione della sua biografia "Storia di Christian. Ogni vita è per sempre", scritta dal giornalista Luciano Regolo.
Questo evento ha dimostrato un fatto che forse a qualcuno potrà risultare sorprendente, ma per chi conosce Christian è solo un'ennesima conferma di quanto visto negli anni: c'è una grande voglia di conoscere la sua storia e la sua musica!
Questa voglia è testimoniata dalle tante lettere arrivate alla Fondazione che porta il suo nome, dalle innumerevoli persone che hanno partecipato alla presentazione del libro, da tutti quelli che, nonostante non lo abbiano mai fisicamente incontrato, lo sentono vicino.
Questa volontà di approfondire la sua storia è la voglia di trascendenza che abbiamo innata in noi e che ritroviamo negli scritti di Christian, negli accordi delle sue canzoni, nelle note del suo diario.
Una trascendenza mai ingombrante, che mai gli ha fatto perdere quella sua essenza giovane e scanzonata nella quale tutti si possono rivedere, come in uno specchio!
La festività del Natale è l'occasione migliore per un regalo che possa essere insieme svago e invito alla riflessione, specie per tanti ragazzi che potranno rivedersi nella sua vita, al tempo stesso comune e straordinaria!
Nicola da Italia pubblicato il 24/11/2018 alle 10:55:
Che dono immenso è stato "conoscere" Christian per il risveglio di questa mia povera coscienza cantautorale. Mi ha ricordato che i doni di Dio non possono essere trascurati, perchè proprio attraverso questi nella grazia Lui in noi parla.
Grazie davvero. Con semplicità e commozione.
Nico
Prof. D'Intino da Italia pubblicato il 24/11/2018 alle 10:54:
Sembra incredibile che un ragazzo così' giovane possa avere una tale lucidità di pensiero e di scrittura, e tanti interessi convergenti verso un unico orizzonte: l'amore e la curiosità per un mondo ricco di bellezza e di potenzialità inesplorate.
Il tema su Manzoni (che posso valutare meglio perchè è nel mio campo) è davvero un miracolo: non ho mai trovato in un ragazzo della sua età (ma neanche in molti studiosi già fatti) tale ampiezza di prospettive, e al tempo stesso una tale acutezza e precisione; mi ricorda i saggi di un altro ragazzo geniale, morto giovanissimo a inizio secolo, Giaime Pintor.
Avessi letto quel tema in un contesto accademico, avrei invitato Christian a proseguire nella carriera di studioso, ma so che avrebbe rifiutato, perchè aveva in mente obiettivi più importanti.
L'ho capito guardando il video in cui pronuncia il suo discorso contro il monopolio dell'ARA. Sono proprio felice che qualcuno abbia avuto l'idea di riprenderlo. Non ci sono dubbi, il video lo dimostra: Christian era davvero fuori del comune, di una intelligenza portentosa ma anche illuminato da una genuina passione morale, e da una vitalità e affettività capaci di conquistare e contagiare gli altri: la telecamera lo rivela onesto, lucido, semplice, diretto, appassionato. La sua pronuncia "americana" assolutamente perfetta (mai sentito niente del genere, eppure ne conosco di italiani residenti in Inghilterra e negli Stati Uniti) è il segno di una profonda comprensione del mondo intorno a lui, ma anche della capacità di ascoltarlo, di rispettarlo.
Capisco ora meglio perchè voleva essere americano, perchè in America rivive forse più che altrove lo spirito dell'eroe antico, di chi, consapevole di essere dotato di eccezionali qualità, le mette al servizio della collettività.
Chris aveva un incredibile talento musicale, lo si capisce ascoltando le sue bellissime canzoni, ma sarebbe potuto diventare anche un oratore all'antica, ovvero, nei tempi moderni, un capo di stato. In questo è davvero simile a Leopardi, per il quale la poesia (e la musicalità) era un modo per mettersi in sintonia con il mondo, per comunicare e per agire in vista di nobili scopi. Sì, Christian deve aver intuito in Giacomo qualcosa di affine: del genio, ma di tipo particolare, direi morale.
Nella vita le incertezze sono molte, gli scogli continui, lo scoraggiamento è il pericolo peggiore. Ma ci dobbiamo ispirare, per andare avanti,all'esempio e alla passione di uomini coraggiosi. Christian, benchè ancora ragazzo, è uno di questi!!
Laura da Italy pubblicato il 24/11/2018 alle 10:49:
Fortunati i ragazzi e le ragazze che possono frequentare i licei presso il "Chris Cappell College".
Una scuola pregna di ogni forma di apprendimento attraverso tecnologie avanzate, strumenti di ogni genere, grazie a CHRIS che attraverso i suoi immensi genitori Adriana e Franco ha regalato tutto questo.
Un college in cui il suo pensiero entusiastico della vita, dell'amore, della cultura e della MUSICA affiorano in ogni angolo.
E' bene ricordarlo SEMPRE, perchè nessuno degli studenti è lì per caso!!
< W CHRIS e W LA MUSICA!!
Andrea Palermo da Italia pubblicato il 18/08/2018 alle 15:41:
Cari genitori di Christian, nel vostro grandissimo e incommensurabile dolore, siete un esempio meraviglioso. Siete come una pianta di Rose a cui è stata recisa la Rosa più bella e profumata..... ma invece di seccare avete avuto la forza per spargere il profumo e la bellezza di quella Rosa che avete perso a tutto il giardino.
Io vi ammiro di vero cuore, per quello che fate per centinaia di ragazzi ogni anno.
Nostro Signore ha rivoluto a sè la vostra Rosa più bella perchè l'ha voluta nel suo giardino ma ha fatto in modo che la vostra pianta continuasse a far sbocciare rose anche lì dove non vi crescevano. Ogni Rosa che ora sboccia dalla vostra passione ha le sembianze della Rosa più bella.
Anche Gesù manda segnali attraverso Voi a tutti noi.....
Andrea De Simone da Italia pubblicato il 09/08/2018 alle 17:15:
20 anni sono già passati, ma il tempo si perde nei dolci ricordi dei bei momenti passati insieme da bimbi e nelle melodie dell'artista geniale che ho ri-scoperto dopo.
Linda da Italia pubblicato il 09/08/2018 alle 17:02:
Che bello sentirti accanto! Attraverso te scopro la magia e l'incanto dell'esistenza emotiva. Le tue emozioni mi attraversano e sbalordita le osservo. Sai, molto spesso sono in comunione con te.....Come una nuvola d'argento che incontra una nuvola d'oro, un pensiero di luce incontra il pensiero di un'altra luce.
L'arcobaleno regala i suoi meravigliosi colori per ricordarci che la tempesta è passata..... Guardo il cielo e..... sei tu ora a disegnarlo luminoso, lucente, risplendente. Ora la mia tempesta sta finendo.