E aggiunge:

"Ancora non riesco a capire perché mamma e papà abbiano scelto come regalo di Natale una chitarra. Forse, perché non sapevano cosa regalarmi e volevano provare ad essere originali. Lo furono davvero, ma la triste verità è che io probabilmente avrei apprezzato di più un regalo "normale", qualcosa come un pupazzo, un giocattolo oppure una bicicletta".

Come tutti i bambini, dunque, Christian rimane più sconcertato che entusiasta all'idea di dover imparare a suonare uno strumento, ma si accorge subito che questa nuova forma di apprendimento lo appassiona, al punto tale che brucia le tappe e non ancora adolescente si accorge che suonare è diventato il suo passatempo preferito, anche perché scopre di riuscire facilmente a trovare gli accordi di qualsiasi canzone ascoltandola attentamente. Contemporaneamente alla sua passione per la musica, Christian coltiva un altro interesse di particolare interesse per il suo futuro: lo studio della lingua inglese. Commenta il padre Franco:

"Era così appassionato alla cultura e allo stile di vita degli Stati Uniti che io, per prenderlo in giro, lo paragonavo all'americano del film di Alberto Sordi".

Indietro - HomeAvanti